Incisioni a Jamson Bay

ESERCIZI DI STILE


Lasciare impronte, segnare la Terra poi raccogliere un sasso, una conchiglia, un’alga secca, come uno scambio, un dare–avere sono gesti che l’artista ripete nei suoi viaggi in una ritualità laica, intima e antichissima. Ferrero prende, sposta, modifica e lascia nello spazio agito la sua testimonianza, la sua traccia alle volte effimera altre permanente. Uno scambio, un baratto che diventa conversazione tra l’uomo e ciò che in quel momento lo circonda. Rapportarsi a un luogo, cercare la sintonia o il bisticcio con le cose, gli animali, ma anche con le espressioni naturali che altro non sono che altri linguaggi dell’esistente è ciò che l’artista costantemente persegue. Talvolta si spinge ad un coinvolgimento degli elementi (mare, sole, pioggia, neve, vento ecc) che partecipano e determinano sostanzialmente la scrittura visiva a quel punto non più solamente sua.
Da anni Richi Ferrero agisce in tal modo nel suo viaggiare per il mondo ma solo di recente ha iniziato a documentare i suoi esercizi di stile.